Su con la schiena!

Un momento di... Benessere

"Io faccio sport: calcio, cavallo, ma soprattutto caciocavallo” (N. Frassica)


Simone è il fratello di Marianna, una delle primissime atlete che mi è capitato di seguire. Preoccupata, mi aveva raccontato di questo suo fratellino, alle prese col primo lavoro dopo la laurea, che in pochi mesi si era trasformato: usciva sempre di meno, pochi sorrisi, era ingrassato parecchio e in più era preda di atroci mal di testa.

Ed ecco perché in un mercoledì qualsiasi, ho aperto la porta a questo ragazzone.

“Vedi Giò, il problema principale è che da quando ho finito l’università e trovato questo lavoro di Web Master, la mia vita è tanto cambiata. Nuova città, casa, nuovi amici… ho cambiato anche i ritmi della mia vita. Il lavoro deve essere la mia priorità, devo fare una bella figura, perché ne ho bisogno per raggiungere il mio vero obiettivo: entro due anni, massimo tre, voglio mettermi in proprio e fondare una mia piccola azienda. Devo lavorare sodo, h24 come dicono da me in ufficio, senza distrarmi e sacrificando anche un po’ della mia vita, tutto questo solo per due/tre anni, poi potrò dedicare il tempo a ciò che voglio: lavorare alla costruzione della mia azienda. Ho già deciso il nome, è SUPERLATIVA.MENTE, che ne dici?”

Io mi guardai bene dall’esprimere un giudizio, ma trasportato dall’entusiasmo di Simone per questo suo futuro gli dissi: “Se è funzionale al tuo obiettivo e se ti fa stare bene… Ma se tutto va bene, perché sei qua da me?”

Simone ribatté: “Perché non sono contento di come sono, perché ho spesso questi mal di testa feroci, praticamente tutti i giorni: arrivo a lavoro e pian piano sento che arrivano, partendo dalle spalle, dal collo, più passano le ore e peggio sto. E poi perché mi sento prigioniero, come imbrigliato in qualcosa che so che mi condurrà dove voglio arrivare, ma che mi sta costando tanta fatica; arrivo alla sera senza energia, senza più forza e con la voglia di mettermi solo steso sul divano con panino, Coca Cola e cioccolata, a guardare un po’ di sport in tv. Questo per sei giorni la settimana, infatti spessissimo lavoro anche il sabato e di conseguenza la domenica sono così stanco che la utilizzo solo per ricaricarmi. Vorrei evadere, ma in questa cella non trovo nemmeno una finestra da cui poter uscire e non sono nemmeno sicuro che ci sia questa finestra; quello che vorrei io è che tu mi aiutassi a trovarla e magari anche a segarne le sbarre…”

I mal di testa

 

Quella semplice metafora mi aiutò a capire come potevo essergli utile.

“Simone, se riavvolgi il nastro delle cose che mi hai detto, ti accorgerai di quanti devo ci siano nel tuo racconto, sono troppi e tutti nel tuo presente: hai messo un solo voglio, quello relativo alla tua azienda, ma è un voglio nel futuro. Per me non sarebbe male inserire qualche voglio nel tuo presente che ti aiuterebbe ad aprire la finestra senza segare le sbarre generate dai tuoi troppi devo. Simone, se riuscirai a sostituire i devo con dei voglio, automaticamente le sbarre svaniranno e la finestra diventerà una porta da cui tu potrai facilmente uscire e rientrare; non vivrai più in una prigione, ma in un’accogliente casa. Cosa vorresti sistemare come prima cosa?”

Simone rispose veloce: “Vorrei che il mio male alla testa sparisse, non posso continuare a prendere pillole per farmelo passare, che dici, si può fare qualcosa?”

“Come tua sorella sa molto bene, non sono uno Medico Specialista nella terapia del mal di testa, ma ho qualche idea su come poterlo prevenire e combattere, ti interessa sapere la mia ricetta?”

“Sono qua per questo, spara!” disse sorridendo.

“Mi hai detto che il tuo male alla testa spesso comincia dal collo. Lasciati dire che da come stai seduto, non mi sembra che tu abbia una postura scorretta.”

A queste mie parole si illuminò dicendo “Hai ragione! Il tavolo su cui lavoro in ufficio è troppo basso, la seggiola è troppo alta e scomodissima e, dopo un po’ che lavoro, ho la schiena a pezzi perché per stare più comodo, sto tutto piegato e storto.”

“Bene, allora per prima cosa fatti sistemare la postazione di lavoro e vedrai che avrai immediati benefici. Mi hai poi detto che mangi porcherie, comincia a far attenzione alla qualità e alla quantità del cibo, ma di questo parleremo un'altra volta. Oggi vorrei parlare della tua attività fisica. Come sei messo da questo punto di vista?”

“Non faccio praticamente più nulla! Prima giocavo a tennis almeno due volte a settimana, ma adesso non ho più tempo; a volte la domenica mi ammazzo di fatica andando a correre per tre ore di seguito, ma quando torno a casa il male di testa mi assale fortissimo e in più, guarda qua!” e si indicò la pancia “Sono ingrassato otto chili in sei mesi, mi sento grasso, gonfio e goffo, e questo non fa altro che peggiorare il mio stato psicofisico.”

“Vedi Simone, quello che fai è veramente stupido: concentrare tutta l’attività fisica in una sola sessione non serve a nulla se non a stressare di più il tuo fisico e a peggiorare la tua condizione fisiologica. Il mal di testa che dopo ti assale altro non è che la risposta fisiologica allo sforzo. Io ti consiglio di cominciare con un’attività fisica leggera e costante almeno tre volte alla settimana, possibilmente aerobica: trenta minuti al giorno di corsa potrebbero essere un buonissimo inizio perché, mantenendo la frequenza cardiaca al di sotto dei cento battiti al minuto, ti aiuterebbero ad allentare lo stress, a diminuire la tensione muscolare e permetterebbero al tuo organismo di rilasciare le endorfine che hanno una azione antidolorifica naturale. Compra un contapassi, se già non ce l’hai, vedrai che ti aiuterà. Se deciderai di correre, mi raccomando, fallo a un ritmo leggero, magari alternando i minuti di corsa vera e propria a minuti di camminata veloce. Per lo stress, poi, ti aiuterebbe tanto il nuoto: immergere la testa in acqua ha anche una funzione paragonabile alla meditazione, ti rilasserebbe tanto e ti risintonizzerebbe su te stesso.”

“Sì bello!” disse “ma il tempo me lo dai tu?”

Deciso, risposi: “Io non vendo tempo, quello lo devi trovare tu! Lo troverai solo se lo vorrai trovare, ma trenta minuti sulle ventiquattro ore di un giorno li troverai sicuramente; non riuscire a trovare questo tempo è solo una bella e banale scusa della tua parte pigra e grassa. Per tutto il resto ne riparliamo…”

 

COME È FINITA LA STORIA?

Come sta adesso Simone? E il suo mal di testa?

Direi bene! In due mesi è dimagrito quattro chili smettendo di mangiare porcherie steso sul divano. In ufficio si è procurato una sedia da lavoro ergonomica che gli permette di avere una postura più corretta e, come suggerito, si è comperato un contapassi.

Per i primi dieci giorni ha mantenuto una media di circa diecimila passi giornalieri, poi ci ha preso gusto e ha cominciato a correre tre volte alla settimana, alla mattina prima di andare a lavorare, per trenta minuti. Ora corre già per quasi un’ora; l’ultima volta che è venuto a trovarmi mi ha raccontato che ha come obiettivo quello di correre una mezza maratona entro l’anno, senza mire di tempo, ma solo per il piacere di partecipare.

Ancora non va a nuotare semplicemente perché non ha trovato una piscina comoda vicina a casa o al lavoro, ma anche perché gli piace così tanto correre che non ne sente il bisogno.

Ah dimenticavo! Il mal di testa? Non me ne ha mai più parlato e quindi qualcosa questo vorrà dire.

 

AL LETTORE

L’attività fisica leggera è una vera e propria panacea non solo per prevenire il male di testa, ma anche per migliorare la nostra condizione generale e farci ritrovare il buon umore.

Sarebbe importante farla regolarmente, almeno tre volte la settimana; io consiglio lo jogging, semplice ed economico.

Ma come cominciare?

Fai come Simone, compra un contapassi e non scendere mai sotto i diecimila passi al giorno; questo è già un buon inizio; dopo di che comincia a correre in modo leggero per venti minuti aumentando gradualmente il tempo fino ad arrivare a 45”/60” alternando la corsa leggera a una camminata veloce (circa sei km/h) . Vedrai i benefici.

Fammi sapere e grazie di avermi letto.

 

  • GIOVANNI GABRIELLI

    Essere, benessere e bell'essere

    I nostri comportamenti derivano dagli stati d’animo e questi a loro volta derivano dai nostri pensieri. Insegnare alle persone a pensare in modo consapevole è il primo obiettivo di ogni cambiamento.
    Essere consapevoli di cosa sta succedendo in ogni momento dentro di noi e quali siano i fattori esterni che ci contaminano è un buon punto di partenza per la modifica di quelle abitudini comportamentali disfunzionali che possono essere le cause scatenanti di alcune tipologie di mal di testa.

     

Su con la schiena!: Gli articoli de i mal di testa

  • Cefalea tensiva

    Il mal di testa tensivo è la cefalea primaria più frequente, caratterizzato da un dolore bilaterale, a localizzazione ed intensità variabile.

  • DOLORE CERVICALE E MAL DI TESTA

    Noto in campo medico come “cervicalgia”, il dolore cervicale è un disturbo che affligge un 1 italiano su 8 e colpisce le strutture del collo, includendo muscoli, vertebre e nervi.

  • Mal di Testa da cervicale

    Il mal di testa comunemente detto “da cervicale” può essere il sintomo di alcune forme di cefalea primaria, come cefalea tensiva ed emicrania.

  • Che mal di testa hai?

    Caratteristiche e sintomi dei mal di testa più frequenti.

  • PREVENIRE LA CERVICALE CON 2 MINUTI DI YOGA AL GIORNO

    Per prevenire la cervicale ed evitare contratture ed infiammazioni, è importante mantenere tonica ed elastica la muscolatura. Bastano pochi minuti al giorno di esercizi per ottenere rapidi miglioramenti.

  • LA QUOTA ROSA DELLA CERVICALE

    I famosi dolori cervicali, spesso associati al mal di testa da cervicale, sono causati da irrigidimento e contrazioni dei muscoli del collo e per questo molto spesso colpisce chi svolge un lavoro sedentario.

  • BLOCCATI (CON IL COLLO) IN AUTOSTRADA

    Buone notizie: forse non riusciremo a evitarti le code, ma abbiamo la soluzione per evitare che le tue ferie diventino un vero e proprio incubo.

  • Il Mal di testa da stress

    Complessivamente, circa l’80% dei pazienti emicranici riconosce lo stress come fattore precipitante il proprio mal di testa.

  • “IL MIO MAL DI TESTA DA STRESS… FORSE.”

    Alice convive con il suo mal di testa da venticinque anni. Proprio per questo, le abbiamo chiesto di parlarci del suo rapporto con il mal di testa, come è cambiato nel tempo e come influenza la sua vita

Su con la schiena!: Mal di testa in videopillole

Su con la schiena!: I racconti del Mental Coach

  • Trova del tempo per te per alleviare lo stress

    “Devo, devo, devo…”

    La vita di Caterina è fitta di incombenze e responsabilità: mai un momento di pausa, mai un momento per se stessa, uno stress continuo a cui si aggiunge anche un terribile mal di testa. Come fare per aiutare Caterina a ritrovare un po’ di serenità e sollievo dal suo male?