CURARE IL MAL DI TESTA CON IL GIUSTO PRINCIPIO ATTIVO

Prevenzione

LE FORMULE MAGICHE DEL MAL DI TESTA

Curare il mal di testa con il giusto principio attivo

I mal di testa non sono tutti uguali, e anche per affrontarli esistono medicinali diversi fra loro.

L’automedicazione è spesso molto utile per impedire che il disturbo si aggravi e che il dolore diventi difficile da tollerare, ma deve essere fatta per tempo, scegliendo il farmaco giusto e assumendolo nei dosaggi corretti.

Di seguito vi indichiamo i principali principi attivi, che spesso potete chiedere in farmacia anche senza prescrizione.  

 

NAPROSSENE
è un farmaco con attività analgesica e antinfiammatoria e antipiretica.

È indicato per il trattamento di dolori lievi e moderati, tra cui il dolore associato a mal di testa, mal di testa da cervicale ed emicrania.
Dopo somministrazione orale il naprossene viene assorbito dal tratto gastrointestinale.

Come agisce
Il naprossene inibisce la sintesi e il rilascio di prostaglandine, le quali hanno diverse proprietà, tra cui un ruolo importante nei processi infiammatori e del dolore.

Durata dell’azione
Ha una durata d'azione di circa 16 ore.

 

IBUPROFENE
è un analgesico-antinfiammatorio, dotato inoltre di una spiccata attività antipiretica. Può essere utilizzato nel trattamento di dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali).

Come agisce
L'ibuprofene è un potente inibitore della sintesi delle prostaglandine, note per essere mediatori del dolore, dell'infiammazione e della febbre.

Durata dell’azione
L'ibuprofene viene assorbito in seguito a somministrazione orale e raggiunge rapidamente livelli ematici ottimali, l’effetto ha una durata di circa 6 ore.  

 

PARACETAMOLO
è un'alternativa per il trattamento delle emicranie leggere e della cefalea tensiva, soprattutto se si è allergici ai salicilati.
Il paracetamolo ha proprietà analgesiche e antipiretiche,  ma ha scarso potere antinfiammatorio.

Come agisce
Il paracetamolo inibisce, nel sistema nervoso centrale (SNC), la produzione di alcune sostanze che determinano la sensazione dolorosa, chiamate nel loro insieme prostanoidi.

Durata dell’azione
L’effetto del paracetamolo ha una durata di 4/6 ore, con inizio dell’azione analgesica e antipiretica entro circa 30 minuti dopo l’assunzione.

 

KETOPROFENE
è un farmaco antinfiammatorio derivato dell'acido propionico e simile all'ibuprofene, con azione analgesica, antipiretica e di antiaggregazione piastrinica. 

Come agisce
Il ketoprofene agisce attraverso l'inibizione della sintesi delle prostaglandine, impedendo la produzione di mediatori dell'infiammazione e di conseguenza del dolore.

Durata dell’azione
Dopo somministrazione orale il farmaco è assorbito rapidamente dal tratto gastrointestinale, l’effetto ha una durata di 1/4 ore.

 

ACIDO ACETILSALICILICO
è un farmaco antinfiammatorio indicato nel trattamento dei dolori infiammatori di varia natura e degli stati febbrili e sindromi influenzali e da raffreddamento.

Come agisce
L’acido acetilsalicilico è  un antiaggregante e fluidificante del sangue, perché inibisce la produzione di trombossano, un aggregante delle piastrine.

Durata dell’azione
L’effetto dell’acido acetilsalicilico ha una durata di circa 5/6 ore.

 

INDOMETACINA
è un farmaco antiinfiammatorio che possiede un’azione analgesica centrale e un’azione vasocostrittiva limitata al circolo cefalico, inoltre è in grado di inibire la memorizzazione del dolore e di ostacolare di conseguenza la cronicizzazione della cefalea stessa.

Come agisce
L’indometacina inibisce la sintesi e il rilascio di prostaglandine, le quali hanno diverse proprietà, tra cui un ruolo importante nei processi infiammatori e del dolore.

Durata dell’azione
L’indometacina viene assorbito rapidamente a livello intestinale e raggiunge le massime concentrazioni plasmatiche in sole 3 ore dall'assunzione.

 

SUMAPRITAN
è un antagonista selettivo vascolare, indicato per il trattamento delle cefalee a grappolo e dell’emicrania intensa che può essere acquistato solo su prescrizione medica.

Come agisce
Il sumapritan ostacola l’assorbimento e l’eliminazione della serotonina da parte dei vasi sanguigni del cervello, impedendone la vasodilatazione.

Durata dell’azione
Il farmaco viene assorbito maggiormente e più velocemente (in 10-60 minuti) quando viene iniettato sottocute; nel caso dell'uso per bocca, l'assorbimento è pari al 16 per cento, mentre tramite spray nasale al 14 per cento.

 

Gli articoli del benessere

  • CURARE PER PREVENIRE

    Chi soffre di mal di testa può subire disagi e limitazioni per buona parte della vita, sia per il dolore sia per i sintomi associati. Per questo è importante imparare a riconoscere i sintomi del mal di testa e curarlo tempestivamente con un farmaco di pronto intervento.

  • CHE FARE QUANDO HAI UN FORTE MAL DI TESTA?

    Se hai un forte mal di testa è meglio cercare un rimedio ai primi segnali. Secondo uno studio dell'Università di Copenaghen, il mal di testa forte aumenta del 68% la possibilità che si verifichino lesioni o alterazioni cerebrali.

  • SE IL BOTULINO È UN RIMEDIO PER L’EMICRANIA…

    Forse ti starai chiedendo com’è possibile che il botulino rappresenti un rimedio per l’emicrania. Ebbene: il botulino, o botox, è una tossina che viene prodotta in natura da alcuni batteri.

  • MAL DI TESTA NEI RAGAZZI? ECCO UN RIMEDIO SEMPLICE

    Sembra proprio che la gomma da masticare incida sull’insorgenza del mal di testa nei ragazzi e circa l’87% degli adolescenti che soffrono di mal di testa potrebbe curarsi semplicemente rinunciando alla gomma americana.

Le videopillole

I racconti

  • Combatti il mal di testa ai primi sintomi.

    Il papà avrebbe voluto un maschio e invece… Per questo Rita per tutta la sua vita ha resistito con determinazione a qualsiasi avversità, compreso il mal di testa. Ma forse non è questa la strategia giusta per affrontare questo fastidioso nemico, vero Gioaladino?

     

  • Non eccedere coi farmaci, consulta il medico.

    Sulla personalità creativa e solare di Alessandra si allunga l’ombra dell’ipocondria che la spinge a preoccuparsi di qualsiasi sintomo e ad assumere farmaci in eccesso in ogni occasione, creando un circolo vizioso. L’intervento di Gioaladino sarà provvidenziale per regalare a questa giovane artista una nuova speranza.