MAL DI TESTA DA FARMACI

MAL DI TESTA DA FARMACI

Si parla di cefalea secondaria all’iperuso di farmaci quando, per almeno 3 mesi, il mal di testa si presenta per più di 15 giorni al mese e si associa al consumo eccessivo di farmaci dell’attacco.

Anche se può sembrare paradossale, infatti, l’eccessivo uso di farmaci d’attacco crea una sorta di circolo vizioso che può favorire l’incremento della frequenza della cefalea, cioè la sua cronicizzazione e il suo perdurare negli anni.

Il numero di farmaci assunti mensilmente per il mal di testa forte deve essere quindi monitorato con attenzione.

Chiedi aiuto al neurologo del centro cefalee se noti che assumi farmaci analgesici oltre i 10 giorni al mese, lo specialista ti consiglierà la terapia più adatta e le modalità più efficaci per il trattamento della patologia.

 

Gli articoli del benessere

  • Cefalee primarie

    I mal di testa però non sono tutti uguali; nella maggioranza dei casi la cefalea è primaria, per la quale cioè non è identificabile alcuna causa sottostante precisa.

  • Cefalee autonomiche trigeminali

    Le cefalee autonomiche trigeminali sono cefalee primarie più rare, caratterizzate da un dolore unilaterale, localizzato nella zona degli occhi.

  • Emicrania cronica

    Si parla di emicrania cronica quando il mal di testa si presenta da almeno 3 mesi per più di 15 giorni al mese passando da episodico a frequente.

  • Nevralgia del trigemino

    La nevralgia del trigemino è il più comune dei dolori facciali ed è caratterizzata da attacchi di dolore improvviso e lancinante.