EMICRANIA CON AURA

EMICRANIA CON AURA

L’emicrania con aura è più rara della forma senz’aura e colpisce il 30% dei pazienti con emicrania.

I sintomi più comuni dell’aura sono di tipo visivo e vengono descritti come flash o punti luminosi, linee parallele a zig zag o a ferro di cavallo, macchie luccicanti o stelle, cambiamenti nella visione oppure, anche se più raramente, come una parziale scomparsa del campo visivo. Questi disturbi visivi tendono a iniziare in una porzione del campo visivo e ad estendersi gradualmente nell’arco di qualche minuto.

Meno frequentemente compaiono sensazione di intorpidimento, punture di spilli o formicolio a livello del corpo (in particolare all’arto superiore) che possono diffondersi dalla mano verso la spalla, in modo graduale, fino ad interessare la metà del volto.

In alcuni casi, si può manifestare un disturbo della parola con difficoltà di articolazione del linguaggio e di espressione.

Il mal di testa che segue l’aura può avere le stesse caratteristiche dell'emicrania senza aura, ma presentarne anche di nuove.

L’esordio del dolore può verificarsi ad esempio già nel corso dell’aura o a distanza di alcuni minuti (ma non oltre i 60 minuti). Raramente, in alcuni pazienti, i sintomi dell’aura non sono seguiti dalla comparsa del mal di testa.

La diagnosi di emicrania con aura è clinica e si basa su un accurata raccolta della storia clinica e sull’esame obiettivo. In base al giudizio del medico, il percorso diagnostico può avvalersi di specifiche indagini neuroradiologiche (tomografia computerizzata o risonanza magnetica).

Nei soggetti che presentano emicrania con aura a bassa frequenza, la terapia è esclusivamente d’attacco che prevede l'assunzione di analgesici e antinfiammatori da automedicazione, come l'ibuprofene e il naprossene.

In caso di attacchi frequenti è invece indicata una terapia di profilassi con classi di farmaci in parte simili a quelli utilizzati per l’emicrania senz’aura. Inoltre, l’uso della pillola estro-progestinica è controindicato in chi soffre di emicrania con aura. Rivolgiti al tuo neurologo del centro cefalea che ti consiglierà come modificare la terapia.