EMICRANIA CRONICA

EMICRANIA CRONICA

Si parla di emicrania cronica quando il mal di testa si presenta da almeno 3 mesi per più di 15 giorni al mese.

Solitamente interessa persone che hanno una storia pregressa di emicrania che, da episodica, diviene progressivamente più frequente fino a divenire cronica.

Con l’incremento della frequenza si assiste molto spesso alla modifica delle caratteristiche tipiche dell’emicrania per cui il mal di testa può assumere caratteristiche tipiche anche della cefalea tensiva.

Numerosi studi hanno indagato i fattori di rischio che contribuiscono al processo di cronicizzazione.

Alcuni risultano strutturali e immodificabili, altri invece possono essere corretti e in generale includono il sesso (quello femminile ne è più soggetto), l’obesità, eventi stressanti (lutti, traslochi, problemi familiari o sul lavoro), l’ipertensione arteriosa, l’abuso di alcool, disturbi del sonno, alcuni disturbi psichiatrici e l’uso eccessivo di farmaci.

Quest'ultimo fattore in particolare può dare vita a un circolo vizioso che rischia di aggravare la cronicizzazione dell'emicrania nel tentativo di ridurre l'intensità del dolore. 

Chiedi aiuto al neurologo del centro cefalee se noti che assumi farmaci analgesici oltre i 10 giorni al mese, lo specialista ti indicherà il trattamento più adatto a te.

Gli articoli del benessere

  • Nevralgia del trigemino

    La nevralgia del trigemino è il più comune dei dolori facciali ed è caratterizzata da attacchi di dolore improvviso e lancinante.

  • Emicrania

    L’emicrania è una cefalea primaria caratterizzata da attacchi ricorrenti, che si localizza in modo unilaterale e provoca un dolore pulsante.

  • Emicrania con aura

    L’emicrania con aura è più rara della forma senz’aura e colpisce il 30% dei pazienti con emicrania, i sintomi più comuni sono di tipo visivo.

  • Cefalee primarie

    I mal di testa però non sono tutti uguali; nella maggioranza dei casi la cefalea è primaria, per la quale cioè non è identificabile alcuna causa sottostante precisa.