LA CEFALEA TENSIVA, UN MAL DI TESTA DA TASTIERA!

Cause

LA CEFALEA TENSIVA, UN MAL DI TESTA DA TASTIERA!

Perché lavorare fa venire mal di testa.

Ebbene sì, in alcuni casi, il lavoro può incidere sul manifestarsi del mal di testa, in particolare della cefalea tensiva.  

Che il mal di testa sia la patologia del XXI secolo non è certo una novità, solo in Europa ne soffrono il 6% degli uomini e ben il 20% delle donne.

Ciò che invece sorprende è che la maggior parte della popolazione colpita abbia un età compresa tra i 25 e i 55 anni, vale a dire la cosiddetta età lavorativa.  

Basti pensare che circa il 15% delle assenze dal lavoro è causato dal mal di testa. La forma più diffusa di mal di testa “da ufficio” è appunto la cefalea tensiva, solitamente provocata da posture scorrette davanti al computer o da disergonomie della postazione di lavoro.

Ma sono moltissimi anche gli altri fattori di rischio per il mal di testa che occorrono quando si parla di impiegati e scrivanie: orari che si allungano con una frequenza che va ben oltre lo “straordinario”, pause pranzo affrettate o di cattiva qualità, stress da consegna. E ovviamente la pensione che si allontana…

Gli articoli del benessere

  • LA QUOTA ROSA DELLA CERVICALE

    I famosi dolori cervicali, spesso associati al mal di testa da cervicale, sono causati da irrigidimento e contrazioni dei muscoli del collo e per questo molto spesso colpisce chi svolge un lavoro sedentario.

  • MAL DI TESTA 2.0

    Tempi duri per i millennial: a quanto pare anche la crisi economica e i social network sono da annoverare tra le cause del mal di testa.

  • BLOCCATI (CON IL COLLO) IN AUTOSTRADA

    Buone notizie: forse non riusciremo a evitarti le code, ma abbiamo la soluzione per evitare che le tue ferie diventino un vero e proprio incubo.

  • Cos’è la cefalea muscolo tensiva?

    La cefalea tensiva ha caratteristiche di ripetitività e si presenta nei periodi di maggiore stress: generalmente i dolori si prolungano per un periodo minimo di 30 minuti fino a qualche giorno; se si ripete per almeno 15 giorni al mese si definisce cronico.