IL MAL DI TESTA DA SONNO

IL MAL DI TESTA DA SONNO

Esiste una stretta correlazione, nota fin dall’infanzia, tra la ridotta qualità del sonno e l’aumento della frequenza di mal di testa.

Uno squilibrio del ciclo sonno-veglia che comporti una mancanza di sonno, sia esso dovuto a condizioni mediche (ad esempio disturbo d’ansia, depressione, dolori osteoarticolari, etc), abitudini di vita (ad es. rimanere a lungo svegli nelle ore notturne per leggere, guardare la TV o giocare ai videogames) o eventi di vita sociale e familiare (ad es. il ritardare l’ora di coricarsi per un evento sociale o per motivi di lavoro/ studio o il jet-leg) può̀ costituire un problema in un paziente con emicrania o cefalea tensiva .

All’opposto, comportamenti più tipici del weekend o di una vacanza, quali dormire più a lungo, fare un breve sonnellino pomeridiano o restare a letto a sonnecchiare, possono facilmente scatenare un attacco di emicrania.

Ne consegue che mantenere abitudini di sonno regolari e non dormire oltre il necessario è molto vantaggioso soprattutto per chi soffre di emicrania.

D’altro canto i pazienti con emicrania possono presentare alcuni disordini primari del sonno che peggiorano ulteriormente la qualità del sonno. Si tratta ad esempio, dei sogni terrifici e del sonnambulismo nel bambino, piuttosto che la sindrome delle gambe senza riposo e quella delle apnee ostruttive nell’adulto.

Riconoscere e trattare questi disturbi è necessario anche al fine di migliorare il mal di testa.

Infine va ricordato che lo stesso mal di testa può contribuire a peggiorare la qualità del ciclo sonno veglia. In particolare gli emicranici possono presentare attacchi dolorosi ad insorgenza notturna, mentre nella cefalea a grappolo gli attacchi si presentano sovente alla sera o nelle prime ore del mattino.

Gli articoli del benessere

  • SE IL MAL DI TESTA NEI BAMBINI LI RENDE IRREQUIETI

    Il mal di testa nei bambini, quali effetti ha? Sembra strano che esista una correlazione, ma pare proprio che qualche volta, dietro un comportamento troppo vivace potrebbe nascondersi il mal di testa, che colpisce almeno un bimbo su cinque fra infanzia e adolescenza.

  • MAL DI TESTA O PROBLEMI ALLA VISTA?

    Non sempre i disturbi visivi derivano dal mal di testa, a volte il problema potrebbe essere molto più semplice e risolvibile con il giusto paio di lenti.

  • A CIASCUNO IL SUO MAL DI TESTA

    I bambini soffrono prevalentemente di emicrania senz’aura che con la crescita scompare lasciando il posto all’emicrania da stress. Questa arriva specialmente in età scolare a causa dei nuovi orari e delle nuove abitudini e anche degli obblighi che la scuola introduce nella loro vita.

  • Il Mal di testa da stress

    Complessivamente, circa l’80% dei pazienti emicranici riconosce lo stress come fattore precipitante il proprio mal di testa.