DA QUANDO NON FUMO PIÙ… HO MAL DI TESTA!

Le interviste

DA QUANDO NON FUMO PIÙ… HO MAL DI TESTA!

“Ovviamente, se potessi tornare indietro non inizierei mai a fumare. E, sempre se potessi tornare indietro, smetterei di fumare con qualche aiuto in più, perché penso che sia sciocco soffrire quello che ho sofferto io nelle prime due settimane senza sigarette.

Oggi basta andare in farmacia, da un agopunturista, in ospedale per avere degli aiuti concreti e smettere di fumare in modo almeno un po’ più semplice. 

Io ho dovuto smettere per via di un’operazione. Una cosa da nulla, che non mi preoccupava affatto, ma l’anestesista s’è raccomandato che non fumassi per almeno una settimana e io mi son detta che era l’occasione buona per smettere del tutto. Peccato che l’appuntamento con l’anestesista lo avessi avuto proprio a una settimana dall’operazione e non c’era tempo per adottare nessuna soluzione-cuscinetto.

Ho smesso come un cowboy: ho buttato via l’ultimo pacchetto e via in sella. Un male tremendo. Subito mi è venuto una specie di raffreddorinetto fastidioso, mi è andata giù la pressione, mi sono sentita stanca e fiacchissima. E ovviamente, già alla fine della prima giornata senza fumo, è arrivato lui, il mal di testa.

Poi c’è stata l’operazione, andata benissimo, tant’è che già due giorni dopo non avevo dolore, ma mal di testa sì. Eccome. Ho scoperto, ma se mi fossi fatta seguire sarei stata più preparata ad affrontare il nemico, che è perché il flusso cerebrale sanguigno aumenta. E considerando che per me il mal di testa è un vecchio maledetto compagno, figuriamoci. 

La buona notizia è che passa. La raccomandazione, ma è mia e personale, è di non fare gli eroi perché è sul serio difficile e chi vi dirà il contrario è pazzo o in malafede. Soprattutto chi, come me, soffre di mal di testa si faccia consigliare dal medico per attenuare i sintomi.

Il mal di testa di quando si smette di fumare potrebbe avere delle meccaniche diverse dal mal di testa “normale” e richiedere delle strategie specifiche. Anche questo l’ho imparato a mie spese: ho preso le medicine che prendevo di solito per l’emicrania e non è successo praticamente niente.”

Contributo di Chiara [nome di fantasia], ex fumatrice da due mesi.

Gli articoli del benessere

  • Il Mal di testa da stress

    Complessivamente, circa l’80% dei pazienti emicranici riconosce lo stress come fattore precipitante il proprio mal di testa.

  • “IL MIO MAL DI TESTA DA STRESS… FORSE.”

    Alice convive con il suo mal di testa da venticinque anni. Proprio per questo, le abbiamo chiesto di parlarci del suo rapporto con il mal di testa, come è cambiato nel tempo e come influenza la sua vita

  • Consumo eccessivo di farmaci causa emicrania

    Alcune farmaci possono peggiorare l’emicrania o scatenare attacchi di cefalea anche in chi non ne soffre abitualmente.

  • Depressione ansia e mal di testa

    Molti studi dimostrano che persone affette da emicrania sono più a rischio di sviluppare disturbi psichiatrici come ansia e depressione.